In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Copenhagen 2009: USA e Cina per riduzione CO2

11 Dicembre 2009 - La conferenza mondiale sul clima iniziata il 7 dicembre scorso a Copenhagen ha ottenuto le prime risposte di Stati Uniti e Cina alle pressioni europee.

 

L’Europa aveva chiesto alle due superpotenze, Cina e USA, di operare in modo da ridurre le proprie emissioni in modo più significativo rispetto a quanto dichiarato finora e le prime risposte da parte dei due leader non si sono fatte attendere.

Secondo fonti ufficiali, gli USA si presenteranno a Copenhagen con la proposta di ridurre le emissioni di gas serra del 17% (rispetto ai valori del 2005) già nel 2020 per poi aumentare la quota arrivando al 30% entro il 2025, al 42% entro il 2030 e infine all’83% nel 2050.

A Strasburgo il Ministro dell’Ambiente svedese, anche Presidente di turno del Consiglio Ambiente UE, Andreas Carlgren, ha affermato che oltre a impegnarsi fattivamente dichiarando percentuali di riduzione per il 2025 e 2030 gli Stati Uniti dovrebbero prevedere anche un piano finanziario importante “che diminuisca di un quarto le emissioni dovute alla deforestazione nei paesi in via di sviluppo, nel periodo 2010-2015”.

Dal Governo di Pechino, ha detto Carlgren, “ci spettiamo una riduzione del 30% rispetto al business as usual, e oggi siamo molto vicini a questo”. Il Governo cinese si è inoltre già impegnato a produrre il 15% di energia da fonti rinnovabili e a dare l’avvio a un piano di riforestazione molto vasto.

Entro il 2020 sarà un -40% circa rispetto ai livelli del 2005: questa è la percentuale dichiarata dalla Cina che porterà a Copenhagen un piano di riduzione delle emissioni responsabili dell’effetto serra attraverso l’identificazione di obiettivi “vincolanti” fissati dallo stesso governo cinese e volti a ottenere i risultati annunciati anche attraverso l’uso di provvedimenti finanziari e fiscali ad hoc.

Ulteriore obiettivo dichiarato dal governo cinese per il 2015 è quello di aumentare l’impiego di carburanti non-fossili portandone il consumo al 15% del totale.

Carlgren continua però affermando che "basterebbe un aumento del 10% delle sue emissioni per vanificare due anni di sforzi da parte dell'Ue".

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news