In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Scambio sul posto: le novitÓ 2010

26 Gennaio 2010 - NovitÓ interessanti per gli utenti dello scambio sul posto che dal 1░ gennaio 2010 potranno scegliere anche come gestire il proprio credito.

 

Importanti modifiche sono state apportate al “Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto” (ARG/elt 74/08).

Con la Delibera 9 dicembre 2009 - ARG/elt 186/09, e in applicazione della legge 99/09, l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha infatti definito una serie di modifiche tra le quali spicca la possibilità, per gli utenti che hanno già aderito allo scambio, di optare tra la gestione a credito per gli anni successivi e la liquidazione monetaria (annuale) delle eventuali eccedenze produttive.

Altra importante modifica riguarda invece i Comuni sotto i 20mila residenti e il Ministero della Difesa, per i quali è riconosciuta la possibilità di attivare lo scambio sul posto senza che sia necessario far coincidere il punto di immissione il punto di prelievo. In questo caso però la potenza complessiva non potrà superare i 200 kWp.

Ricordiamo che lo scambio sul posto è una particolare forma di autoconsumo che consente di compensare l'energia elettrica prodotta e immessa in rete in un certo momento con quella prelevata e consumata in un momento differente da quello in cui avviene la produzione, utilizzando la rete elettrica locale come "magazzino virtuale" per l'energia prodotta e non immediatamente consumata

Fondamentale per poter usufruire del servizio di scambio è che gli impianti per il consumo e per la produzione di energia elettrica facciano capo ad un unico punto di connessione con la rete pubblica.

 

Scarica la Delibera.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news