In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

GSE pubblica l’analisi del fotovoltaico italiano 2009

13 Maggio 2010 - In un anno gli impianti fotovoltaici sono raddoppiati e la loro potenza è triplicata. Lo studio recentemente pubblicato dal Gestore fotografa un mercato in salute e con tanta voglia di crescere!

 

Il Gestore ha pubblicato l'analisi sul fotovoltaico italiano, spaccato di un mercato in salute e in crescita!

Il GSE ha da poco pubblicato il documento di analisi annuale della situazione del fotovoltaico nel nostro Paese. Lo spaccato che ne emerge fotografa un mercato in salute e in forte crescita.

I dati che colpiscono maggiormente sono quelli relativi sia alla numerosità degli impianti fotovoltaici, che al 31 dicembre 2009 ha raggiunto le 71.284 unità (+123%) con una potenza complessiva pari a 1.142,3 MWp (+165%).

Altri aspetti interessanti trattano la dimensione degli impianti. Dei 39.266 nuovi sistemi solari realizzati il 50% circa è di taglia compresa tra 3 e 20 kWp, mentre il 43% è costituito da quelli con dimensione 1-3 kWp e solo il 7% è costituito da quelli con taglia superiore ai 20 kWp.

La Lombardia guida la classifica delle Regioni italiane con la maggior concentrazione di impianti (10.814), seguita da: Veneto (6.867), Emilia Romagna (6.657), Piemonte (5.777) e Puglia (5.290). Se si analizza però la potenza installata è la Puglia quella che produce di più con i suoi 214,4 MW, seguita da Lombardia con 126,3 MW ed Emilia Romagna con 95 MW.

In termini di tecnologia impiegata la predominanza dei pannelli fotovoltaici al silicio policristallino appare evidente (55%). La diffusione dei moduli al silicio monocristallino si attesta al 37% mentre il restante 8% è occupato dalle altre tecnologie.

Per scaricare e consultare il documento completo clicca qui.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news