In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Confermata DIA per impianti fotovoltaici fino a 1 MWp

21 Maggio 2010 - E' stata confermata l'estensione della DIA ai grandi impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza massima pari a 1 MWp.

 

E' stata confermata, con l'approvazione definitiva della legge comunitaria 2009 da parte del Senato, l'estensione della DIA agli impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza fino a 1 MWp.

La legge, non ancora pubblicata in GURI, prevede che nel recepire la direttiva 2009/28/CE, relativa alla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, il Governo dovrà attenersi ad una serie di principi e criteri direttivi. Tra tali criteri è previsto quello di:

“semplificare, anche con riguardo alle procedure di autorizzazione, di certificazione e di concessione di licenze, compresa la pianificazione del territorio, i procedimenti di autorizzazione alla costruzione e all’esercizio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili e alle necessarie infrastrutture di rete, anche sulla base delle specificità di ciascuna tipologia di impianto e dei siti di installazione, prevedendo l’assoggettamento alla disciplina della denuncia di inizio attività di cui agli articoli 22 e 23 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e successive modificazioni, per gli impianti per la produzione di energia elettrica con capacità di generazione non superiore ad un MW elettrico di cui all’articolo 2, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, alimentati dalle fonti di cui alla lettera a), prevedendo inoltre che, in sede di pianificazione, progettazione, costruzione e ristrutturazione di aree residenziali industriali o commerciali e nella pianificazione delle infrastrutture urbane, siano inseriti, ove possibile, apparecchiature e sistemi di produzione di elettricità, calore e freddo da fonti energetiche rinnovabili e apparecchiature e sistemi di teleriscaldamento o di teleraffrescamento”.


Per vederne l’applicazione però dovremo attendere la disposizione che il Governo dovrà inserire all'interno del decreto legislativo entro il 5 dicembre 2010, come previsto dalla stessa direttiva.

 

Fonte: GIFI

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news