In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Terzo Conto Energia in attesa della Conferenza Unificata

7 Luglio 2010 - Ore di attesa per l'incontro di domani sulla manovra economica, momento nel cui ordine del giorno Ŕ presente anche il nuovo meccanismo d'incentivazione per l'energia prodotta da fonte solare.

 

Grande attesa per gli esiti che avrà domani, giovedì 8 luglio 2010, la Conferenza Unificata Stato-Regioni convocata dal ministro per i Rapporti con le Regioni. Durante tale incontro verranno discussi sia il terzo conto energia per il fotovoltaico che le linee guida per l'autorizzazione unica degli impianti a fonti rinnovabili.

La bozza che verrà discussa domani è stata commentata anche dal GIFI, Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane, che ha evidenziato le principali variazioni apportate rispetto alla proposta del gruppo tecnico della Conferenza Unificata del 17 febbraio scorso. Le riportiamo qui di seguito per sintetizzare i principali punti:

  • Sono state accettate le nuove tariffe per impianti con potenza superiore a 5 MW;
  • Sono state aumentate le tariffe per “altri impianti”, cioè impianti non realizzati sugli edifici, con potenza superiore a 1 MW e a 5 MW per il periodo 31/08-31/12/2011 da 0,257 a 0,264 e da 0,244 a 0,251 €/kWh rispettivamente;
  • È stato ridotto dal 10% al 5% l’incremento previsto per impianti installati in sostituzione di coperture in eternit;
  • È stato accettato l’inserimento delle serre nell’articolo 10 comma 6 che prevede una tariffa pari alla media aritmetica fra la tariffa spettante per “impianti realizzati su edifici” e la tariffa spettante per “altri impianti”;
  • È stata accettata la modifica delle tariffe per impianti a concentrazione;
  • È stata modificata la definizione della struttura delle serre, che devono essere “chiuse”, anche se la chiusura può essere “eventualmente stagionalmente rimovibile”;
  • È stata aumentata la soglia massima degli impianti FV integrati con caratteristiche innovative da 250 MW a 300 MW;
  • È stata ridotta la soglia massima degli impianti FV a concentrazione da 250 MW a 200 MW;
  • È stata aumentata la percentuale di contributo in conto capitale da 60% a 100% per impianti FV realizzati su scuole pubbliche.” 
     

Maggiori aggiornamenti saranno disponibili nei prossimi giorni.

 

Fonte: GIFI

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news