In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

3░ Conto Energia - L'opinione di Paolo Rocco Viscontini

22 Luglio 2010 - Sull'ultimo numero di Enerpoint News Paolo Rocco Viscontini, Presidente di Enerpoint, commenta il nuovo meccanismo incentivante per il prossimo triennio. Qui di seguito un breve estratto.

 

Ha ottenuto l’approvazione della Conferenza Stato–Regioni ed attende adesso la firma del Ministro per lo Sviluppo Economico, ma si può già intravedere con una certa precisione quali saranno i principali aspetti del nuovo meccanismo che entrerà in vigore in Italia dal prossimo 1 gennaio 2011.

Qui di seguito riportiamo un breve estratto dell’editoriale di Paolo Rocco Viscontini, CEO di Enerpoint, per Enerpoint News:

“la notizia più rilevante che vale la pena subito segnalare è certamente l’uscita del tanto atteso “3° Conto Energia”.

Arriva in ritardo, è vero, però finalmente è chiaro e ci permette di affrontare il futuro con più serenità. E’ infatti solo in presenza di un quadro normativo ben definito che le aziende possono decidere strategie e organizzarsi di conseguenza.
Il 3° Conto Energia consentirà al fotovoltaico italiano di crescere ancora nei prossimi anni e permetterà a Enerpoint di confermare la sua forte presenza a servizio degli installatori.

Ritengo buona l’idea di ridurre gradualmente le tariffe ogni 4 mesi, per rendere più soft la discesa ed evitare pericolosi contraccolpi.  Il livello delle tariffe è buono e garantisce sicuramente la convenienza degli investimenti negli impianti fotovoltaici, siano essi residenziali o industriali.

Penso invece che l’obiettivo di 8000 MWp al 2020 sia troppo basso, ma sono sicuro che verrà rivisto in futuro in quanto non riflette affatto il potenziale di sviluppo della tecnologia, dimostrato dal fatto che in Germania alla fine di quest’anno si raggiungerà un installato di 15.000 MWp!

Di conseguenza anche il limite dei 3000 MWp rischia di essere basso….”

Per leggere l’editoriale completo, inserito nel numero 28 di Enerpoint News, clicca qui.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news