In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Il nuovo regolamento edilizio del Comune di Carugate obbliga all'uso del solare termico

26 Maggio 2003 - Il comune di Carugate (MI) realizza un innovativo regolamento edilizio che obbliga all’uso del solare, delle tecnologie bioclimatiche e al risparmio energetico sulle nuove costruzioni. La risposta italiana all’ordinanza di Barcellona.

 

La risposta italiana al regolamento edilizio del Comune di Barcellona, primo in Europa ad obbligare l’uso del solare, viene da un piccolo comune lombardo, Carugate in provincia di Milano. Il regolamento che prevede, tra l’altro, l’obbligatorietà di impianti solari termici per le nuove costruzioni, supercoibentazione di pareti esterne e coperture per gli edifici nuovi e per quelli ristrutturati, serre solari ammesse e non computate nel volume edificato, è sicuramente un nuovo approccio alle rinnovabili che può cambiare radicalmente il modo di progettare e costruire.

Il nuovo Regolamento edilizio, elaborato dall’assessore comunale Attilio Galli e lo staff tecnico coordinato dal Dott. Galbiati, con il supporto esterno della Rete dei Punti Energia, introduce criteri noti da tempo ma scarsamente applicati: il risparmio energetico, l’utilizzo delle rinnovabili e l’impiego di tecnologie bioclimatiche. Alcuni degli interventi proposti sono obbligatori (è questa la vera innovazione portata da questo strumento), altri sono per ora solo suggeriti, quindi facoltativi. Per quanto riguarda il solare nei nuovi edifici di uso residenziale e collettivo è obbligatoria l’installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda a usi sanitari dimensionati per una copertura annua del fabbisogno energetico non inferiore al 50%. Il Regolamento considera anche l’aspetto estetico e orienta i progettisti verso scelte di integrazione tra i collettori solari e l’edificio. L’installazione di impianti fotovoltaici viene solo suggerita.

Nella redazione di questo regolamento sono stati considerati anche gli aspetti economici. La realizzazione di edifici secondo queste regole comporta, infatti, un costo superiore, che però si deve ripagare in funzione dell’energia risparmiata.

L’Amministrazione comunale intende promuovere un accordo volontario con gli operatori del settore e con le categorie interessate (associazioni di consumatori, professionisti, costruttori, produttori, ecc.) a garanzia di una corretta applicazione di questo Regolamento nell’interesse dei cittadini.

Il Regolamento edilizio di Carugate rappresenta, nel suo genere, lo strumento più avanzato mai stato adottato nel nostro Paese ed è auspicabile che diventi un esempio da seguire anche per altre amministrazioni.

Per informazioni: www.comune.carugate.mi.it

Fonte: Ilsolea360gradi, aprile 2003

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news