In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA

Impianti fotovoltaici installati in Italia: situazione a marzo 2014

L’attuale situazione del mercato fotovoltaico in Italia è caratterizzata dalla presenza di più di 520.000 impianti sparsi su tutto il territorio nazionale, con una particolare concentrazione nelle regioni di Lombardia, Emilia Romagna e Triveneto.

Nello specifico, il numero degli impianti attualmente in esercizio con il V Conto Energia sono 526.463, per una potenza corrispondente di  17.080.255 kW.
Nel 2013 sono stati installati 116.269 impianti, per una potenza totale di 1,475 GWp.

Gli impianti con potenza inferiore a 6 kWp rappresentano il 26% della potenza totale e l’83% della numerica totale.

Numeri significativi, che sottolineano quanto il mercato sia cambiato, rivolgendosi principalmente al residenziale.
Nel corso del 2013 sono anche aumentati gli impianti che usufruiscono della detrazione fiscale, a causa del raggiungimento del termine ultimo per l’ottenimento della tariffa incentivante del V Conto Energia.

La detrazione IRPEF del 50% per il fotovoltaico

A partire dal 26 giugno 2012, la percentuale della detrazione fiscale IRPEF per le spese sulle ristrutturazioni era stata aumentata dal 36% al 50%, con in più un importo massimo di spesa per ogni unità abitativa salito da 48.000 a 96.000 euro.

Nella definizione di “ristrutturazione”, rientrano una serie di interventi sull’abitazione, fra i quali c’è anche la realizzazione di un impianto fotovoltaico.

Queste condizioni dovevano scadere nel giugno 2013, ma il Dl 4 giugno 2013, n. 63 (convertito con modifiche in Legge 90/2013), aveva aggiunto sei mesi di tempo (31 dicembre 2013) alla scadenza naturale.

Ora la legge di stabilità 2014 ha ulteriormente prorogato la scadenza della detrazione, con le seguenti modalità:

• detrazione pari al 50%, per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2014
• detrazione pari al 40%, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015
• detrazione pari al 50%, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2016

 

 

Fonti: Gaudì, Atlasole (http://atlasole.gse.it/atlasole), GSE (http://www.gse.it)