In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Sistema Energia e il progetto Ecosol

Un’azienda con l’anima sostenibile attiva anche nel sociale e nella tutela ambientale.

La scelta del solare corrisponde alle caratteristiche dell'impresa che ha scelto di operare nel contesto della Sostenibilità coniugata nei 3 aspetti: sociale, ambientale ed economica. A tal fine Sistema Energia ha prodotto, e aggiorna ogni anno, il proprio Bilancio Sociale.

Al Sig. Concari, uno dei soci fondatori, abbiamo chiesto di raccontarci come sia iniziata l’attività della sua azienda e quali siano oggi le principali motivazioni che portano privati e aziende a scegliere il FV, ma anche le principali perplessità.

“L'attività  ha avuto inizio con impianti di piccola taglia per clienti residenziali e alcuni enti pubblici. Di seguito, si è passati a impianti aziendali chiavi in mano di taglie sempre più importanti, affiancati anche da un lavoro di sola progettazioni per altre realtà. Ad oggi Sistema Energia ha installato circa 180 impianti fotovoltaici. Parallelamente al fotovoltaico è cresciuta anche l'esperienza nell'ambito del "calore" e nell'abbinamento di risparmio energetico e utilizzo delle fonti rinnovabili (fotovoltaico, solare termico, geotermia).
Per quanto riguarda le motivazioni, spesso i nostri clienti, oltre la compatibilità economica, desiderano che l'impianto sia in grado di produrre energia in modo ambientalmente compatibile, che offra lavoro ad imprese del territorio, che riduca la dipendenza complessiva da fonti fossili e sviluppi un sistema di produzione distribuita di energia. Una parte del nostro lavoro è l'accompagnamento nello sviluppare queste consapevolezze e nel seguirle nel corso degli anni. E' un aspetto gratificante e premiante, anche perché i nostri lavori arrivano tutti con il passaparola dei clienti soddisfatti.
In quanto alla principali perplessità riscontrate per il fotovoltaico sicuramente l'incertezza normativa e autorizzativa che ha caratterizzato l’anno appena trascorso è uno dei fattori dominanti insieme a quel senso generalizzato di poca fiducia nello Stato che porta ancora la gente a domandarsi: “ma me li daranno davvero gli incentivi?”. Per le altre fonti rinnovabili, invece si sente la mancanza di una filiera competente e motivata: progettisti, termotecnici, installatori, imprese edili”.

Come azienda Sistema Energia è molto impegnata nel sociale, progetti in Africa soprattutto, con l’Associazione Amici del Togo. Al Sig. Concari abbiamo chiesto come sia iniziata quest’avventura.

“Una premessa: praticamente tutti i soci di Sistema Energia sono impegnati in associazioni di volontariato locale. Aggiungo, non molti lo sanno, che la rete dei GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) è nata a Fidenza e il promotore del primo GAS d'Italia è uno di noi... Di conseguenza, se possiamo dare una mano, lo facciamo volentieri.”

Ma c’è anche un altro progetto molto interessante che è in corso in questi mesi: si tratta di ECOSOL, un condominio solidale che sorgerà a Fidenza all’interno di un nuovo quartiere (Quartiere Europa). Ecosol è il progetto di un co-housing per una dozzina di famiglie che vivranno in un edificio che il più possibile autosufficiente dal punto di vista energetico, e quindi a emissioni zero.

“L'installazione avverrà nella seconda parte dell'anno, non abbiamo ancora scelto marche e modelli di moduli e inverter. L'unica scelta progettuale certa è l'utilizzo di un impianto innovativo tecnologico perché è perfetto per la situazione. Una cosa molto bella, a corredo dell'impianto, sarà la possibilità di massimizzare l'autoconsumo dando la possibilità ai condòmini i cui consumi stiano superando la produzione della propria porzione di impianto, di avvalersi della produzione dei vicini di casa che non stiano utilizzando appieno la propria, conteggiando il "prestito di kWh" e facendolo poi ristornare a un valore remunerativo per entrambi i soggetti, cioè ad un prezzo a kWh intermedio tra il costo del prelievo dalla rete e il valore pagato dal GSE per la cessione”.